Articoli

SERVIZI LOCALI

“D'UNA CITTA’ NON GODI LE SETTE O SETTANTASETTE MERAVIGLIE, MA LA RISPOSTA CHE DA’ A UNA TUA DOMANDA" - I. Calvino,  Le Città Invisibili La qualità delle prestazioni e l'efficienza dei servizi ai cittadini sono una sentinella della cultura di un luogo e della correttezza e funzionalità dei rapporti tra amministrazione, enti e territorio.  

Per anni abbiamo combattuto per portare in primo piano l’idea che i servizi vanno costruiti ‘intorno ai cittadini’ e non sulle procedure;  che la qualità delle prestazioni dipende dalle persone, dai processi e dalle tecnologie che li supportano;  che l’efficacia dei servizi è elemento indispensabile e volano per la struttura produttiva e lo sviluppo economico di un territorio;  che gli utenti dei servizi hanno dei doveri e hanno dei diritti, come l’accesso alle informazioni, alla trasparenza, a partecipare alla costruzione dei servizi dove possibile.

Ora, possiamo discutere ancora per anni se è meglio l’indice di Benessere piuttosto che il PIL, se esternalizzare o gestire all’interno,  se e quanto l’evasione delle tasse riduce le risorse per fare qualità e garantire servizi efficienti, se gli amministratori e i dirigenti sono responsabili quanto i dipendenti.  Noi, semplicemente, affermiamo due cose:

  • che una città è ricca ed evoluta se anche i suoi servizi sono adeguati, all’altezza delle attese e delle capacità di fruizione dei suoi cittadini e accessibili economicamente e operativamente;  in questo modo, sono in equilibrio aspetti sociali e produttivi, diritti e doveri e il territorio diventa anche identitario e attrattivo per nuove genti, risorse e turismo;  
  • che l’efficienza è importante ma ancora di più lo sono la gentilezza e la  'risposta a una nostra domanda’,  in una anagrafe comunale come in un ospedale, in un ufficio tecnico come a teatro o alla polizia municipale.

 

OTTOBRE, 2017

GIANNI BARTOLOTTI

per QUOS

COMUNICAZIONE EFFICACE

 com

Comunicazione interpersonale e relazioni professionali.

La comunicazione sta alla base delle relazioni tra persone, sia che esse intercorrano in contesti privati che in ambito professionale.  Il linguaggio, i gesti e i comportamenti ci rappresentano e sono il mezzo per entrare in relazione con gli altri.  Una buona comunicazione semplifica le relazioni e veicola meglio messsaggi, contenuti e intenzioni a vantaggio della efficienza e della positività delle relazioni e del benessere dell'ambiente;  una errata capaictà comunicativa invece è fattore di stress, di costi e un clima teso e negativo in famiglia, al lavoro, nella comunità in cui si vive.

Su queste basi abbiamo strutturato un seminario che affronta la 'pragmatica' della comunicazione e quindi le regole, i codici, i comportamenti che regolano le relazioni interpersonali e che, gestite adeguatamente, possono migliorare l'efficacia della comunicazione tra due persone, in piccoli gruppi e in ambienti lavorativi.

Un modulo di 4 ore, dimensionabile ai diversi contesti professionali (ospedali, associazioni di volontari, aziende e studi professionali), che analizza le regole della comunicazione e utilizza spezzoni di film per comprendere le basi della comunicazione e acquisire alcuni strumenti per migliorare i comportamenti e la relazione interpersonale e professionale.

Contenuti:

  • evoluzione della comunicazione
  • relazione e contesto
  • gli effetti sui comportamenti
  • linguaggio verbale e non verbale
  • percezioni e mappe mentali
  • regole e tecniche di comunicazione
  • modelli di comunicazione efficace. 

Destinatari:

  • professionisti e manager
  • operatori di studi professionali e di front-end
  • volontari, mediatori e operatori sanitari
  • insegnanti e operatori scolastici

Moduli:

  • nr 1 modulo da 4 ore (le basi della comunicazione)
  • nr 2 moduli (tot 8 ore, in 1 o in 2 moduli):  basi e esercizi su contesto di lavoro specifico dell'aula.  

 

 

e la rete va !


Anno nuovo, vecchie certezze!    Mentre il modello di governance energetica confluisce in un più ampio e articolato progetto (GP Energy Management), si rilanciano le attività di Progettazione (area servizi), gestione Qualità (Customer Satisfaction e Certificazioni ISO 9001) e nuove partnership (con Labitech e GP Engineering Group). 

Q.en, il modello di energy management, è stato il frutto della sperimentazione di un approccio del tutto nuovo all'efficientamento perché basato sull'analisi organizzativa e sull'impato dei processi e dei relativi costi dell'energia in aziend.  Il progetto è ora confluito nel Consorzio GP Engineering Group (al cui Consorzio aderisce Quos) e farà da supporto metodologico agli interventi di efficientamento e cost savings per interventi sistemici, integrati e lungo tutta la filiera del processo (che va dall'audit energetico sino alla realizzazione di impianti, dal project financing al monitoraggio dei consumi). 

Intanto, da inizio anno sono stati consolidati i modelli di Customer Satisfaction (nella versione Satisfaction.16) per il monitoraggio della Qualità e della Efficacia nei servizi, già applicato a fine 2015 nella ricerca al CSC del Comune di Parma),  la revisione dei modelli di redazione Sistema Qualità e Certificazione ISO 9001 (nella nuova versione 2015 che semplifica la gestione documentale e rende più efficace l'approccio alla qualità e i vantaggi connessi alla sua applicazione)  e  le proposte di Progettazione nell'area servizi (riorganizzazione, redazione Offerte Tecniche per bandi di gara, formazione su processi, qualità e stress), arricchite dalla partnership con Labitech srl di Parma (azienda IT di consolidata esperienza e in grado di integrare la progettazione dei servizi e apportare soluzioni tecnologiche e aoplicazioni nell'area sw, social media e IT).

Buon lavoro a tutti!!!

 

 

ISO 9001:2015 & COMPETIZIONE

ISOISO 9001:2015 SFIDA COMPETITIVA       I servizi di front-end degli Enti locali che vantaggi possono trarre dalla adozione di un Sistema Qualità e dall'applicazione delle nuove ISO 9001:2015 ??? 

Q. en

e' un modello di Energy Management pensato per guidare aziende ed enti alla governance energetica e al connesso miglioramento della capacità competitiva e dei costi grazie al controllo tecnico, organizzativo e comportamentale dei processi e degli impieghi.

Come ? Prima ‘conoscere’ (i costi e i consumi, l’impiego e l’uso che si fa dell energia, l incidenza su processi e prodotti) e, solo dopo, ‘agire e gestire’  (in merito ad accesso, utilizzo ed efficientamento).   In due parole:  assessment and management.

Non proponiamo quindi nuovi impianti, fonti alternative o dispositivi,  ma informazioni e indicazioni mirate su come governare la gestione energetica e prendere le decisioni migliori.
Ridurre i costi energetici infatti si può !  Attraverso il miglioramento delle prestazioni, la riduzione degli sprechi e l’impiego razionale dell’energia;  ma prima occorre sapere come e dove si utilizza, quanto si consuma di gas, energia elettrica e acqua;  quali sono i trend; quali i processi coinvolti;   soprattutto, qual è il reale fabbisogno energetico aziendale.
E poi, i costi non sono solo quelli in bolletta, ma anche quelli indiretti:  profili tariffari non coerenti con l’impiego di energia, ore dedicate al controllo e alla registrazione dei consumi e dei costi, errori di fatturazione, impossibilità di prevedere i conguagli, ma anche la scarsa capacità di valutare l’incidenza dell’energia sui costi e sui prezzi per prodotto, cantiere, unità o processo.

Visualizzare dati, informazioni e indicatori, individuare le aree di maggiore utilizzo e poi agire per ridurre consumi e costi,  migliorare le prestazioni e monitorare la gestione energetica a vantaggio  …

  • dei margini operativi, perché costiamo molto meno dei vantaggi che  generiamo e così liberiamo risorse da destinare a servizi al cliente o ad investimenti o alla riduzione dei prezzi
  • della consapevolezza dell’entità ed incidenza di costi e consumi, della gestione energetica, della capacità di prevedere costi e consumi e di determinare l’effettiva incidenza dell’energia sui conti, sui processi e sui prezzi di vendita
  • dell’ impatto   ambientale   e   sociale

    dell’azienda sul suo territorio  e  quindi

    del brand, dell’immagine e del valore

    percepito dal mercato.

Il modello è stato realizzato dai partner Quos in una logica di progetto 'rete' ed è gestito da un team composto a nr 2 Energy Manager, un key account, un project leader e una software house di prodotto (si veda in 'chi siamo' nel sito).

Accedi a un pre-audit gratuito

che mappi i processi e la fattibilità di un intervento prima di procedere con l'intervento consulenziale o accedere a uno dei seguenti moduli:

che compongono il modello (acquisibili integralmente o singolarmente in relazione ai bisogni e agli obiettivi aziendali):

1. DIAGNOSI ENERGETICA

2. GESTIONALE ENERGETICO

3. SCOUTING

4. SOLUZIONI